ALL’ALTEZZA DELL’ARTE

metro_verdeAll’Altezza dell’Arte racconta la crescita di Riccardo, un bambino come tanti, attraverso le sue opere, inizialmente regalategli poi scelte e fortemente volute da lui stesso. Opere a dimensione di bambino, alcune anche create appositamente, ma che mantengono intatta la cifra stilistica e la tecnica dell’artista che le ha realizzate.

Questo progetto vuole essere un esempio di come una fruizione puramente estetica e non solo prevalentemente didattica dell’arte può essere attivata anche in giovanissima età e può facilmente diventare chiave di lettura della nostra percezione del mondo.

L’arte contemporanea comunica naturalmente con il bambino: parla il linguaggio del suo tempo, utilizza i mezzi che conosce e affronta gli interrogativi che lui stesso si trova a fronteggiare. Il bambino, d’altro canto, è istintivamente portato alla sua comprensione poiché possiede quella capacità di astrazione che, a differenza dell’adulto, gli permette di cogliere il reale contenuto delle opere, al di là della loro immediata riconoscibilità iconografica. In parole povere, per un bambino è più semplice capire un’opera di Fontana che non un quadro di Caravaggio.

L’adulto in All’Altezza dell’Arte non si pone come mediatore dei contenuti, ma come semplice figura di affiancamento, lasciando al bambino la facoltà di sviluppare autonomamente un proprio gusto estetico e una propria sensibilità artistica. Ecco quindi che le ventuno opere della collezione possono essere ammirate da una prospettiva differente: l’altezza dello sguardo di Riccardo nel momento in cui le ha viste per la prima volta.

ARTISTI IN MOSTRA (in ordine di apparizione nella collezione di Riccardo):
Alberto Zamboni, Dacia Manto, Gianni Castagnoli, Tomaino, Franco Guerzoni, Vasco Bendini, Concetto Pozzati, Ben (Ben Vautier), Leonardo Santoli, Fiorenza Pancino, Laurina Paperina, Brian Leo, Daniele Duranti, Andrea Mastrovito, Angela Glajcar, Christina Dimitriadis, Tadashi Moriyama, Davide Benati, Bruno Munari, Giosetta Fioroni, Silvia Camporesi.